Mister Colibrì: truffa o guadagni facili?

mister-colibri In Italia sta iniziando a girare un business che in Brasile è, stando a quanto si può leggere con una veloce ricerca online, piuttosto famigerato: Mister Colibrì.

COME FUNZIONA SECONDO LORO
Ci sono due livelli (iniziali) di ingresso in Mister Colibri. Il primo livello costa €60 e ti permette di avere una tessera e diventare socio. Il secondo livello costa €330 euro e ti permette di avere uno spazio online dove pubblicizzare i tuoi prodotti. Un sito internet, un e-commerce in particolare a 330 euro annui è certamente conveniente.
Una volta che uno è socio ha la possibilità di guadagnare LP (Loyalty Point, punti fedeltà) che possono essere spesi all’interno di quella che viene chiamata ISOLA di Mister Colibrì. Continua a leggere

brutto rientro dalle vacanze

Il rientro delle vacanze, per gli italiani che stanno attenti ai prezzi, si rivelerà da subito un brutto colpo con un aumento, quasi generalizzato di tutte le cibarie di circa 10 centesimi.

Questo aumento è del tutto ingiustificato ed altro non è che l’ennesimo tentativo da parte delle aziende di spillare soldi dalle nostre tasche. Se anche voi avete notato un aumento del genere, potete scrivere nei commenti la marca e l’aumento… proponendo marche alternative ad un minor costo ma di uguale qualità e bontà.

Conto Credem nonsolotre

La banca credem ha creato un conto corrente piuttosto interessante, perlomeno per i primi 12 mesi. Una volta aperto il nostro conto infatti avremo diritto al 3% di dasso di interesse (ma solo per le somme depositate da 15mila a 75mila euro), zero canone ed operazioni gratuite (a patto che si disponga almeno del bancomat credem e accredito di stipendio e/o pensione.  Abbiamo i bolli sul conto gratuiti (ma solo per il primo anno) ed una carta di credito ed un bancomat gratuiti. Continua a leggere

Energie rinnovabili: il nostro futuro

Da diverso tempo oramai, è risaputo che le energie rinnovabili sono una delle priorità che il genere umano si è posta per riuscire ad avere in tempo le risorse indispensabili per sopravvivere in futuro.

Per questo motivo molti investono in questo campo, consci del fatto che le energie rinnovabili saranno la fonte primaria d’energia negli anni a venire e che la richiesta crescerà sempre di più. Continua a leggere

Assicuratevi (in tutti i sensi) una bella settimana bianca

In questa stagione più che mai, non c’è niente di più suggestivo di un’ampia distesa innevata nella quale potersi avventurare con la propria tenuta sciistica, sfoggiando a vari amici e familiari le nostre portentose acrobazie o, nel peggiore dei casi, le nostre goffe ma divertenti cadute.

Non sempre però, almeno per il malcapitato di turno, queste sono così divertenti, ma per fortuna c’è una soluzione per poter Continua a leggere

Cambiano i parametri dell’antiriciclaggio

Con la legge 122/2010 entrano in vigore le nuove norme che disciplinano la circolazione del contante, degli assegni trasferibili e dei libretti al portatore. La nuova legge, che mira sostanzialmente ad ostacolare e ridurre il riciclaggio di denaro nel nostro Paese, prevede l’impossibilità di trasferire denaro contante, di emettere assegni liberi e di detenere libretti al portatore per importi pari o superiori a 5.000 euro.

Continua a leggere

Zerospese vuole te

Ormai da un anno ZeroSpese informa i propri lettori di quello che accade nel mondo finanziario, bancario ed assicurativo.

In particolare siamo molto sensibili verso le truffe al cittadino o l’inganno nei confronti di giovani che  sperano di avere trovato il lavoro della vita ed invece sono caduti nell’ennesima truffa. Il motivo di questo post è molto semplice: stiamo cercando collaboratori ovvero persone che, saltuariamente, scrivano articoli sul nostro sito relativamente ai temi che trattiamo.

E’ previsto un piccolo compenso (non è un lavoro) e si otterrà la soddisfazione di avere speso del tempo per qualcosa di positivo ed apprezzato.

Chi volesse provare a candidarsi può scrivere a collabora@zerospese.org

Class Action BancoPosta: il punto della situazione.

Cari lettori di ZeroSpese, abbiamo voluto fare questo intervento per aggiornarvi sugli sviluppi della class action di Bancoposta e spiegarvi con dovizia di particolari le regole per la segnalazione.

Cosa è stato fatto: Ad oggi è partita la causa pilota  relativamente ad uno dei casi che ci sono stati segnalati e, specificamente quello di Anna F. Questo caso sarà utile all’avvocato per capire cosa farà BancoPosta e quali saranno le sue reazioni e getterà le basi per la class action che sarà decisamente più impegnativa. Continua a leggere

Scudo fiscale: rientrati 85 miliardi

scudo fiscale La cifra di 85,1 miliardi di euro, peraltro decisamente ragguardevole, è il dato che emerge in seguito alle segnalazioni degli intermediari alla Banca d’Italia. Il periodo valutato è sino al 15 febbraio 2010.

La maggior parte dei capitali scudati arriva dalla vicina Svizzera (59,9 miliardi) seguono il Lussemburgo (7,3 miliardi) il principato di Monaco (4,1 miliardi) e San Marino (3,8 miliardi).

Continua a leggere

Auguri a tutti i lettori

auguri Lo staff di Zero Spese augura a tutti i visitatori di trascorrere un buon natale ed un sereno anno nuovo.

Speriamo che l’anno venturo si porti via un po’ di questa crisi che così tanto ha penato sulle nostre tasche e sui nostri investimenti.

un abbraccio ed un augurio in particolare a coloro che animano le nostre pagine con i loro commenti ed a coloro che, quotidianamente ci inviano mail con richieste e complimenti. Un grazie a voi tutti e speriamo l’anno prossimo di fare ancora meglio.