Conto deposito business di CheBanca

CheBanca! si dà al business ed apre un conto di deposito destinato ai possessori di partita IVA.

Il conto offre il 2,25% sulle somme depositate e paga gli interessi in anticipo… diversamente dal conto che banca, gli interessi vengono pagati in anticipo anche solo per depositi bloccati per 3,6 e 12 mesi e non già per un anno intero come il conto normale. Ovviamente la scala della percentuale di interesse varia e ci ritroviamo da un tasso base dell’1% che per tre mesi diventa 1,25% per sei mesi 1,75% e si raggiunge il famoso 2,25% soltanto sulle somme bloccate per un anno.

Continua a leggere

I falsari dell’energia

“Buongiorno, siamo dell’Enel, dovremo controllare un attimo la bolletta dell’elettricità.” Con questa frase centinaia di persone in tutta Italia, si sono presentate di fronte alle famiglie italiane.

Una volta esaminata la bolletta la procedura è sempre la stessa: viene ravvisato un errore nella bolletta: “ma lo sa che lei ha il vecchio contratto e che ora potrà pagare di meno?” e viene quindi proposto un “aggiornamento contrattuale” che viene fatto firmare sul momento. Continua a leggere

Ex PF Mediolanum

Gli ex family banker o coloro che hanno avuto un’esperienza con la banca Mediolanum da oggi hanno una risorsa in più per fare sentire la propria voce: si tratta di Facebook, il popolare social network.

Chi volesse partecipare alle discussioni relative alla banca presediuta da Ennio Doris, oppure chi volesse organizzarsi per fare valere i propri diritti nei confronti della suddetta banca, non deve far altro che aprire il proprio accoun Facebook e poi iscriversi a questo link: Continua a leggere

L’oro sale ancora!

Se ne sono accorti anche i giornali e telegiornali italiani: la corsa dell’oro pare essere inarrestabile ed il metallo più amato nei tempi di crisi continua a prendere quota, regalando ampi sorrisi a chi in oro ci aveva investito quasi un anno fa (proprio quando noi di zerospese suggerivamo di acquistarlo).

In cinque anni il prezzo dell’oro è quasi triplicato e quello che cinque anni fa valeva 500 euro, ora ne vale quasi 1400. Chi ha investito quindi in oro grazie ai nostri suggerimenti è pregato di contattarci per fare una donazione! Scherzi a parte, purtroppo, dobbiamo rilevare che, come al solito, c’è sempre qualcuno che si approfitta della situazione ovvero alcuni negozi di compravendita d’oro che mantengono i loro prezzi di valutazione molto, molto, molto al di sotto di quelli ufficiali. Continua a leggere